Sabato 16 Febbraio 2008

…IL FILINI E IL GHIACCIO ISTANTANEO…..

 

Come ogni sabato anco il 16 ci  sian trovi davanti ai bare il triangolo per indà a fa una delle nostre escursioni…la coppa toscana sta per arrivare e noialtri tutti quanti sian dietro agli ultimi ritocchi di forma fisica…sabato con quel vento che soffiava a 20 km orari si ni dette ragion al bullon che disse: andiam in pizzorna che così ci si ripara dal vento….meno male che ci doveva riparà, ma finchè un sarivò dietro la villa del Gambaro, il vento tirava fotte fotte fotte….s’incomincio a monta perinsù ma era più il tempo che s’aspettava i fermi che quella che si pedalava….nelle retrovie si intravedeva un ds rosso come i peperoni per la fatiaaa, ( sta comunque entrando in forma), il chimico tra uno scherzo e l’altro teneva compagnia un po’ all’omin di Picciorana, ovvero Stinchi di Merlo, e un pòpò a Marchetto….dai Marco che i crampi passin prima o poi….il Conte Potta sfruttando l’allenamenti fatti con il professionista cercava di tener testa ad uno scalpitante Pera, che tanto per passare il tempo faceva du ripetute….sian solo a febbraio, di vi a luglio che s’indarà sulle dolomiti, speriam che un facci il botto….il bullone stava a metà gruppo con bronzo e il bello che ogni popò era al telefono con una fia diversa….dopo du’ ore di lunga salita sarivò alla fontanina al campone delle pizzorne, al Filini in nemmeno un minuto si n’eri ghiacce tutte le mani, come farà andà a scia ….ma!!!! Appena il tempo per mettisi i k-way per indà in discesa e si riparte alla volta di tubbiano, due tornanti s’incomincia a prende velocità, ecco le prime sfide…poi nel sopraggiunge lungo un corso d’acqua il chimico che era avanti con il bello e il bullone, dice bello forte: attenti al ghiaccio in curva….. ma il super uomo del Filini amante del pericolo, eccolo fare il bischero….eeeeeeee……..borda!!!!che botta, col casco ha foro il ghiaccio….il mitico Daniele non poteva mica rinunciare ad una caduta eclatante come quelle del personaggio di cui porta il soprannome….Fantozzi….dopo le lunghe risate e solite prese per il culo, ci riavviammo verso la discesa di tubbiano….infondo alla quale in volata arrivavano il pera, il  bullone e il conte potta….il pera d’accordo con l’infame del conte su  un tornante secco tirava dritto portandosi dietro il bullone, in modo da far tagliare il traguardo della volata al nostro presidente, il conte potta….

O bullon, ti fan tutti li scherzi, un ci sta con que’ ragazzacci lì…..sta attento che un ti freghi anche sulla prossima discesa….

 

Appuntamento alla prossima cari lettori….un saluto dal bello….