" GRAN FONDO MAREMMA 2007 "

Seconda prova della coppa toscana di mtb

Il 1░ aprile, ma non Ŕ uno scherzo, si Ŕ disputata in quel di Follonica la seconda prova della Coppa Toscana 2007.

Noi del team Torretta Bike non potevamo certo mancare a questo nuovo appuntamento.

Alle 6.30 puntuali come sempre alla pasticceria La Rosa di Porcari, nostra base di partenza per ogni avventura, questa volta senza l'aiuto del camion di Stinchi di Merlo perchŔ era impegnato in un trasloco in Provincia (n'aveva ditto Tagliasacchi di portÓ tutta la robba in comune a Lucca tanto l'elezioni le vince lu'.... e ciaveva da montÓ un fottýo di scale e un ce la faceva a vený a pedalÓ con noialtri).

No problem...c'era il camion di Sergio che sarebbe stato guidato dal DS , pilota provetto...!

 Le tattiche di gara venivano fuori a piccoli sorsi come quelli che ognuno di noi dava al cappuccino caldo e fumante preparato con amore da Arianna. Solo il Conte Potta lo aveva rifiutato asserendo che le farfalle al salmone che aveva da poco mangiato, gli svolazzavano ancora nello stomaco (...e un ni facevin trovÓ poso...).

I primi km li abbiamo percorsi sotto una pioggerellina fitta che non prometteva niente di buono.

Dopo poco pi¨ di un'ora, siamo giunti al campeggio di Follonica che giÓ pullulava di ciclisti in assetto di guerra, chi appena arrivato e chi invece giÓ sudato pronto per la partenza quando mancavano oltre due ore...

Ma veniamo al pilota provetto, il DS alle prese con l'entrata nel campeggio...

DS: che dici o FrÓ da che parte si entra?

PROF: a me mi pare che si entri di lÓ

DS: duve,  lÓ?

PROF: si lÓ duv'Ŕ quella donnina, passa di lÓ in mezzo a que' du alberi...

DS: quelli lÓ?

PROF: si ma a me mi sembrin un p˛ stretti, ma ci passi?

DS: io diavole...di lÓ ? O ci passo si...stÓ a vede...

BORDA!!!!!

PROF: ...o che ciai picchio?

DS: si ma un ni fa nulla...

PROF: ma sei siguro?

DS: vai...vai...mimportanasega...

Arrivati col resto del gruppo dove attendeva Sergio, il primo sguardo del gruppo andava sul fanale di destra del camion letteralmente andato in frantumi come quello di senistra dello scorso anno sempre nel solito campeggio e sempre...nel solito albero...

Alla domanda di Sergio al DS se si era accorto di aver rotto il fanale il DS rispondeva:

"...ma un cio mia 'olpa io se ciai un camio di merda che appena si picchia nell'albero si rompe un fanale...io lai !"

Risata generale.

Poi la vestizione, la preparazione delle bici e l'entrata nelle griglie di partenza. L'ultimo ad entrare Ŕ il DS che si unisce al resto del gruppo che stava facendo stretching per la schiena attaccato a una staccionata...

Arriva il Ds e vedendo che eravamo tutti impegnati a "tirare" la schiena, ci vuole imitare e si attacca anche lui alla staccionata...CRAAAAAKKKK !!! La staccionata si spezza e ci manda a gambe all'aria davanti agli sguardi increduli degli altri concorrenti in griglia. Vai si comincia proprio bene.¨

Finalmente la partenza. Il Ceceno in testa col Filini Sergio e Bronzo, seguiti da tutto il resto del gruppo. La battaglia entra subito nel pieno con i primi 4 che contendono al Ceceno la prima posizione ma senza successo visto che dopo poco il Cece li stacca e vola diritto verso il traguardo senza pi¨ essere impensierito dagli altri tre compagni. Dietro da subito il Tommy si getta alla rincorsa dei battistrada pur non essendo al pieno delle sue possibilitÓ a causa dei postumi di una forma influenzale che, come il Professore, lo ha costretto a molti giorni di inattivitÓ.

Il percorso di gara giÓ dai primi km ha iniziato a mostrare le prime insidie, prima con molti tratti da fare a piedi visto il gran numero di partenti (circa 900) che hanno formato dei veri e propri "tappi", poi per il fango che ci ha costretti letteralmente ad arrampicarci a piedi tenendoci ai rami degli alberi per non rischiare di scivolare a valle.

Molti tratti erano infatti invasi da acqua e fango che rendeva incontrollabile la bici, specialmente nelle ripide e pericolose discese tecniche; ne sa qualche cosa il Prof, caduto proprio in una di queste, fortunatamente senza grosse conseguenze.

Dietro ai primi quattro quindi Tommy, il Pera, il Cagnaccio, Paura, Semola, il Prof, il Conte Potta e poi tutti gli altri,  Cramp-man, il DS, i fratelli Morini e il Tromba che dopo 10 km ha creduto bene di rompere il movimento ruota libera (per avere una scusa e ritirarsi...).

Mentre il Prof cercava di raggiungere Semola che gli era davanti, non si era accorto che aveva il Conte Potta alle calcagna e, quando stava per riprenderlo (cosý dice il Conte...sarÓ vero ? Mah ) eccola quÓ, la prima foratura e poi ancora una seconda dopo poco (ma che fascioni ciai o Conte ? O du' l'hai compri ? da Pucefano?).

Insomma anche questa volte il Conte della Potta la scusa per arrivare dopo la Croce Rossa ce l'ha avuta ! la prossima volta che ni succederÓ?

Ma torniamo a noi... Il Pera autore di una bellissima gara, ce la fa a mantenere la posizione subito alle spalle del Tommy, resistendo all'incalzare del Cagnaccio che per˛ chiede troppo al suo fisico e al trentesimo km Ŕ costretto a rallentare vittima di crampi, tanto che prima il Prof (che aveva superato Semola) e poi Semola stesso, lo "sverniciano". Paura anche lui autore di una buona prima parte di gara Ŕ costretto a rallentare  a causa di stanchezza ma anche di un problema al cambio.

A circa 12 km dall'arrivo il colpo di scena.

Il prof vede in lontananza una muta ITR, ma chi sarÓ? Indovinate... La Scopa... a piedi...!!!

Immaginate l'emozione del Professore e l'eccitazione nell'assaporare il sorpasso dell'odiato amico-avversario.

Prende in mano la sua borraccia, passa vicino alla Scopa e la rovescia letteralmente in testa al malcapitato Sergio che aveva giÓ un bel giramento di scatole....

"Che hai fatto ?" fa il Professore alla Scop...e lui " o unno vedi bischero quel che ho fatto? Ho la catena al collo...che avr˛ fatto?" Ridacchiando sotto i baffi il Prof si propone."Vuoi lo smagliacatene?"  ...e la Scopa:" un mi riesce usallo...!"

 il Prof conclude:" ...allora bello mio son cazzi tuoi, io non mi fermo davvero...buona passeggiata..." E lo lascia lý.

TROPPO BELLO!!!!!!

Insomma all'arrivo Ŕ primo il Ceceno che da un quarto d'ora al Filini che allo sprint batte il Tommy. Quarto arriva Bronzo che come al solito ha allentato il movimento centrale (ci fosse una volta che non rompe nulla...l'animale...), quinto il Pera autore di una bellissima gara, sesto il Prof e subito dopo il canaccio con a ruota Semola e poi tutti gli altri con il Conte Potta che Ŕ arrivato dopo la Scopa con l'unica differenza che la Scopa si Ŕ fatto 12 km a piedi e ha deciso che la prossima gara la farÓ a piedi " tanto ha detto che arriva sempre prima di tanta gente ferma colla biciletta).e pensate nonostante aver fatto tutti quei km a piedi Ŕ anche arrivato 5░ di categoria ed ha preso pure il premio. Anche il Cagnaccio ha preso il premio classificandosi secondo di categoria e, come a Monteriggioni la squadra si Ŕ piazzata di nuovo 5a, portando a casa un bel trofeo.

foto